Napoli, classe 1984. Cantascrittore.
Completati gli studi letterari in Italia, si trasferisce in Spagna, dove pubblica il primo Ep Autorretrato de ciudad invisible, che dà inizio alla sua carriera come cantante e compositore.
È autore dei romanzi L’infanzia delle cose (Premio Giuseppe Giusti Opera Prima), Il mio cuore è un mandarino acerbo e La letteratura tamil a Napoli (secondo classificato al Premio Neri Pozza), e del romanzo breve La casa girata.
Specializzato in letterature ibero-americane, è traduttore dei romanzi di Alejandro Palomas Capodanno da mia madre e Un figlio (entrambi pubblicati da Neri Pozza), nonché della biografia di Enrique Vargas, fondatore del Teatro de los sentidos, e di diversi racconti del cubano Reinaldo Arenas.
Vincitore della XXIV edizione di Musicultura, Festival della canzone popolare e d’autore, e premio A.F.I al miglior progetto discografico, pubblica all’inizio del 2014 il primo, plurilingue album, Bestiari(o) familiar(e), inciso tra Napoli e Barcellona, dove vive. Lo stesso anno il disco è tra i candidati alla Targa Tenco come miglior esordio e Arena risulta tra i vincitori del concorso Area Sanremo, scelto da una giuria presieduta da Mogol.
In Spagna collabora ai dischi della pianista Clara Peya e della cantautrice Marina Rossell. È l’unico italiano, insieme a Laura Pausini, ad aver inciso in catalano un brano nel disco de La Marató de Tv3, versione catalana della maratona di Telethon.
Il più recente lavoro discografico è La secreta danza, scritto e interpretato da Arena in spagnolo, catalano e italiano. L’album ha fatto tappa a Madrid, Barcellona, Praga, Santiago del Cile e Montevideo.
Il 4 ottobre 2018 esce per Fandango il suo nuovo romanzo La notte non vuole venire.

Pubblicazioni:
L’infanzia delle cose, Manni, 2009
Il mio cuore è un mandarino solitario, Zona, 2010
La casa girata, Senzapatria, 2010
La letteratura tamil a Napoli, Neri Pozza, 2014
La notte non vuole venire, Fandango, 2018