Vincenzo Pardini è nato a Fabbriche di Vallico (LU) nel 1950 e vive a Stabbiano (LU). Comincia a scrivere molto giovane e nel 1976 alcuni suoi racconti vengono pubblicati da Enzo Siciliano sulla rivista letteraria «Nuovi Argomenti». Il suo primo libro esce nel 1981, una raccolta di racconti dal titolo La volpe bianca.
Negli anni ha avuto modo di conoscere importanti scrittori ed editor che hanno mosso notevoli apprezzamenti verso la sua scrittura: Giovanni Raboni, Cesare Garboli, Natalia Ginzburg (che lo definì “Il nostro Maupassant”), Alberto Moravia ecc.
Tra le sue opere ricordiamo: Jodo Cartamigli (Mondadori, 1989; da cui è stato tratto il film Il mio west di Giovanni Veronesi), Giovale (Bompiani, 1993), Rasoio di guerra (Giunti, 1995), Tra uomini e lupi (peQuod, 2005, premio Viareggio-Rèpaci), Il postale (Fandango, 2012) e Grande secolo d’oro e di dolore (il Saggiatore, 2017).
Il suo racconto Acchiappatassi è stato inserito nel Meridiano Mondadori dedicato ai classici del Novecento.
Collabora al «Quotidiano Nazionale» e alle riviste «Nuovi Argomenti» e «Paragone».

Pubblicazioni:
La volpe bianca, La Pilotta, 1981
Il falco d’oro, Mondadori, 1983; peQuod, 2006
Il racconto della Luna, Mondadori, 1987
Jodo Cartamigli, Mondadori, 1989
La mappa delle asce, Theoria, 1990
Gnenco il pirata, Emme Edizioni, 1990
La congiura delle ombre, Theoria, 1991
Giovale, Bompiani, 1993
Rasoio di guerra, Giunti, 1995
Il mulattiere dell’Apocalisse, Rai Eri, 1997
Pumillo il gatto dei boschi, Laterza, 1998
Gli animali in guerra, Laterza, 1999
La terza scimmia, Quiritta, 2001
Lettera a Dio, peQuod, 2004
Storia di Alvise e del suo asino biondo, Gaffi, 2004
Tra uomini e lupi, peQuod, 2005
Rasoio di guerra, peQuod, 2007
Non rimpiango, non lacrimo, non chiamo, con Marino Magliani, Transeuropa, 2009
Banda randagia, Fandango Libri, 2010
Il viaggio dell’orsa, Fandango Libri, 2011
Il postale, Fandango Libri, 2012
Grande secolo d’oro e di dolore, il Saggiatore, 2017