Generazione McDonald’s

di FRANCESCA MAZZUCATO

Marlin Editore, 2008
Collana Il Portico / Young n. 19
brossura, 196 pagine
ISBN: 978-88-6043-054-0

Categoria:

Descrizione

In attesa di iscriversi all’università e decidere quale indirizzo dare al proprio futuro, un giovane studente, Marcello, figlio di genitori piuttosto eccentrici, risponde a un’offerta di lavoro della McDonald’s, un’azienda che finora aveva conosciuto solo da cliente. Viene così a contatto con le abitudini e le regole che governano queste catene di fast food e con coloro che vi operano, acquisendo maggiore consapevolezza di sé, delle proprie capacità e delle proprie aspirazioni. Nel corso di questa esperienza ha modo di chiarire a se stesso il rapporto con i genitori e con gli amici e, soprattutto, il legame ambiguo con Cate, un’ex compagna di scuola determinata e affascinante, della quale è timidamente innamorato. A dar sapore alla trama ci sono elementi forti e assoluti, che riescono subito a catturare il lettore per la loro universalità: l’amicizia, l’amore, la ricerca della felicità, il tradimento, l’abbandono, la difficoltà di accettare se stessi, tratteggiati con sottile capacità stilistica da una scrittrice che sa giocare abilmente con le parole e con il ritmo. Ma Generazione McDonald’s è, prima di tutto, un romanzo di formazione. Quando anche Marcello imparerà a reggersi sulle proprie gambe, ben presto capirà quali sono i lati oscuri di quell’ambiente e, soprattutto, realizzerà che l’impiego al McDonald’s non ha avuto per lui altra utilità, che quella di fungere da trampolino di lancio per entrare nel mondo adulto.

Fra le righe di questa vicenda c’è tutto un mondo da scoprire. A partire proprio dall’ambiente del McDonald’s: la Mazzucato ci accompagna per la prima volta dietro le quinte del fast food, mostrando meticolosamente quali sono le abitudini, le regole, i retroscena, ma anche chi sono i lavoratori di queste catene. Sullo sfondo del romanzo, ispirato a una storia vera, c’è però quello che è il vero protagonista: il McDonald’s. L’autrice riesce a farci riflettere, senza quasi mai scriverlo apertamente, su come questo marchio – così contestato ma, allo stesso tempo, così amato – sia entrato nella vita e nell’immaginario di tutti. Mai, prima d’ora, la testimonianza di un giovane operatore di fast food si era fatta denuncia, dossier, ma anche romanzo di formazione.