Ilaria Palomba, pugliese, classe 1987, ha studiato Filosofia a Bari e poi Sociologia dell’immaginario al CeaQ della Sorbonne di Parigi, e ha conseguito un master in Filosofia e Psicoanalisi a Roma.
Ha pubblicato: i romanzi Fatti male (Gaffi 2012; tradotto in tedesco per Aufbau-Verlag), Homo homini virus (Meridiano Zero 2015; premio Carver), Disturbi di luminosità (Gaffi 2018; da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale Disturbi, regia di Olivia Balzar), Brama (Perrone 2020); le sillogi di poesia Mancanza (2017), Deserto (2019; premio Profumi di poesia) e Città metafisiche (2020); il saggio Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance art (2014).
Alcuni suoi racconti sono pubblicati in diverse antologie e tradotti in francese, tedesco e inglese.
Ha scritto su «Nuovi Argomenti», «minima&moralia», «Pangea», «La Gazzetta del Mezzogiorno».
Insieme a Giordano Tedoldi ha fondato e cura il blog letterario suiteitalianalt.blogspot.com.

Pubblicazioni:
Fatti male, Gaffi, 2012
Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance art, Edizioni del Sud, 2014
Homo homini virus, Meridiano Zero, 2015
Una volta l’estate, con Luigi Annibaldi, Meridiano Zero, 2016
Mancanza, Augh, 2017
Disturbi di luminosità, Gaffi, 2018
Deserto, Fusibilia, 2019
Città metafisiche, Ensemble, 2020
Brama, Perrone, 2020

Agenzia letteraria e service editoriale